• St. Croix

  • Stanley

  • Damiki

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 98 follower

  • Annunci

Light seabass rod

Avevo bisogno di una cannetta leggera da utilizzare in condizioni di calma come foci, canali o porti, in grado di lanciare esche piccole ad una buona distanza ma in caso di bisogno utile per poter gestire prede che possono raggiungere taglie ragguardevoli, come le spigole.
Apro il catalogo ST. CROIX e comincio a “studiare” lunghezze grammature ed azioni dei vari modelli, quando mi cade l’occhio su un modello di LEGEND ELITE per il 2011, una 7.6” 1/8- 3/8 Oz ex. Fast, proprio quello che avevo in mente.
Senza pensarci troppo la ordino e mi metto in attesa con quel dubbio che di solito ti attanaglia quando prendi una canna senza averla mai vista o provata.
Qualche giorno dopo torno a casa per pranzo e trovo il tubo, non appena lo apro comincio a sbavare!!
In mano la canna non si sente e per curiosità la metto sulla bilancia che segna appena 98gr , niente male per una 7.6”.
Provo l’abbinamento con un 3000fe e la combo diventa paurosa!!!, il mulo la bilancia perfettamente e il peso generale rimane bassissimo, smanio per la prova sul campo.
Durante il pomeriggio non faccio altro che pensare a quella canna e la smania di provarla mi sta letteralmente mangiando!!, così appena arrivo a casa, passo la treccia negli anelli un PE 0.8 ad 8 fili per la precisione, faccio un finale in fluoro dello 0.23, una scatolina mista tra hard e soft baits e parto di corsa.
Arrivo sullo spot e comincio a lanciare quello per cui l’ho presa, piccole jig head da 0.9 a 2.8gr, come le Damiki shield jig head e piccole gomme da 2” a 3” come keitech Swing impact 3” o Reins Rockvibe shad, micidiali in alcuni momenti dell’anno, quando risalgono i bianchetti o ancora meglio le cieche (avannotti di anguilla).
Qualche lancio senza esito ed arriva le prima cattura, una spigola di piccola taglia che ritorna subito nel suo elemento, ma che mi fa provare la sensibilità del fusto.

Passa una mezz’ora ed arriva un altro strike, questa volta è decisamente meglio e riesco ad apprezzare le capacità del blank, una bella regina di 1.8kg cade nel tranello Keitech Swing Impact 3” color Silver shad e testina Damiki shield jig head da 2.8gr.

Parlando di materiali e tecnologia costruttiva c’è poco da dire, sicuramente tra i migliori che il mercato offre in questo momento, per questi grezzi viene impiegata grafite sc5 ed sc6 legata con resina NSI, placca porta mulinello Fuji vss, anelli Fuji sic con ponte titanium finished ed un sughero molto bello.
Il montaggio è molto curato, gli anelli vengono montati con due mani di Flex coat e l’estetica non è spartana come la maggior parte delle canne americane, anzi!
Tornando in mare per un’altro test qualche sera più tardi, provo ad impegnarla di più con un barracudozzo catturato con un Jackson Athlete slim 12ss, ma la Legend è una Legend di nome e di fatto e non si pone il problema, contrasta senza problemi anche le fughe più veloci.

Per concludere, la canna supera a pieni voti tutti i test proposti, mi sento di consigliarla a chi ha intenzione di affrontare la spigola in light tackle oppure per un rock fishing (japan style), ma questa è un’altra storia!
Ciao a tutti e alla prossima
Luca Giusti

Annunci

BLUE FISH BY NIGHT

…Uscita in notturna veramente entusiasmante, sia per le condizioni meteo marine che per la cattiveria di quei BASTARDI di serra.

La serata è iniziata con l’avvistamento di numerose cacciate, che ci hanno tirato su il morale, dandoci la conferma della loro presenza.

Jerkando e spopperanno senza nessun risultato sulle cacciate, ho deciso di provare il TARPON della Damiki, un artificiale multiuso dalle caratteristiche molto interessanti.

Questo popper ha due aperture che collegano la bocca alle branchie facendogli fare degli spruzzi davvero niente male. Il TARPON si comporta molto bene anche utilizzato come classico wtd e, con il suo rattling molto rumoroso, si è dimostrato super efficace durante la notturna.

Qualche inseguimento andato a vuoto, e poi …Strike!!!! Dopo un combattimento breve ma divertente,un bel serra di 3.2 kg è uscito dall’acqua per fare qualche foto.

   

 Naturalmente tornandoci subito dopo! 

 Eccovi un bel primo piano del denti aguzzi!

Ciao a tutti e alla prossima.

Luca