• St. Croix

  • Stanley

  • Damiki

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 99 follower

  • Annunci

Damiki Bing 1.5″…. piccola esca grandi soddisfazioni

L’esca che recensirò oggi è una nuova soft bait di Damiki, il Bing da 1.5″.

Si tratta di un piccolo pesciolino di gomma, disponibile in Italia in 6 colori: Pink Panther, Green, Glow, Mango, Cream White e Orange Silver.

Ecco l’esca nella versione Green

FOTO 1 BLOG

Si tratta di un pesciolino dalla sezione piatta, schiacciata, dal corpo cavo e dalla coda piatta.

La coda quindi non si muoverà come la coda di uno shad con il recupero lineare, ma darà mobilità all’esca durante le jerkate.

Gli occhi non sono disegnati ma sono di materiale plastico più duro.

Sulla busta, che contiene ben 20 pezzi, viene specificato un peso di 0,7 grammi dell’esca.
Per quanto riguarda gli inneschi a cui si presta, io ho pescato esclusivamente con il tipo di innesco secondo la mia opinione migliore per questa esca, il Jighead rig.

Per quanto riguarda gli altri inneschi penso che possano avere ottime potenzialità il Drop shot e lo Split shot, ma non li ho provati personalmente, perché li ritengo più adatti ad esche con sezione circolare o comunque più regolare.
Il Damiki Bing 1.5″ è quindi perfetto per la pesca a Jighead e si presta ad essere utilizzato in questo modo nei più svariati ambienti..

Ovviamente a seconda del pesce che andremo ad insidiare utilizzeremo testine dal peso differente.
In FW l’ho provato a Trote, nei suoi colori più accesi, sia in torrente sia in laghetto..

FOTO 2 BLOG

In mare invece le Spigole (Dicentrarchus labrax) sono secondo me il bersaglio più adatto per questa esca….

Per questo predatore consiglio un abbinamento a una testina leggera, massimo 3,5 grammi, e un recupero abbastanza frenetico ma lento, fatto di jerkatine continue. Ovviamente più sarà leggera la testina più riusciremo a recuperare lentamente, ma il tutto va commisurato anche all’ambiente in cui peschiamo.

FOTO 3 BLOG

….a volte possono capitare anche Spigole che proprio spigolette non sono…

FOTO 4 BLOG

Questa super cattura è la prova che non sempre i pesci grossi mangiano su esche grandi. Il Damiki Bing 1.5″ è un girino in confronto a questa Spigola, ma in ogni caso è riuscito ad attirare la sua attenzione.

Questo perché capita che le grosse Spigole caccino piccoli pesci; in ogni caso questa cattura si può considerare un grande colpo di fortuna, non certo la regola.
Altra preda del Damiki Bing 1.5″ è il Sugarello (Trachurus trachurus), che però deve ovviamente essere insidiato con testine piombate più leggere…

FOTO 5 BLOG

Cambiando lo stile di pesca si possono insidiare anche pesci che sono soliti cibarsi vicino al fondo, come le Mormore (Lithognathus mormyrus), sempre attive in questo periodo dell’anno

FOTO 6 BLOG

…e i grossi Ghiozzi testoni (Gobius cobitis), che cacciano i pesciolini che passano davanti alle loro tane

FOTO 7 BLOG

Manca all’appello soltanto lo Scorfano (Scorphaena scrofa), che ovviamente apprezza qualsiasi tipologia di esca in gomma, tra cui anche il Damiki Bing 1.5″. Vista però la sua predilezione per esche più allungate, oppure più a forma di crostaceo, non mi sento di consigliare il Damiki Bing 1.5″ per mirare specificamente a questo pesce.

In conclusione si può dire che il Damiki Bing 1.5″ sia un’esca estremamente duttile, nonostante la sua forma non ci consenta di praticare molte tipologie di innesco.

I pesci insidiabili sono praticamente tutti; la difficoltà sta nel capire quanto piombare l’esca a seconda della situazione e del tipo di pesce che si vorrà cercare.

Marco “Rollingstoner” Bozzo
T2 Tribe.

 

Annunci

Light Rock “rivierasco”

Cari amici,

dopo la mia pausa estiva (di lavoro) rieccomi sul blog a raccontarvi una stupenda serata nella Riviera Ligure in compagnia di amici per una battuta di Light Rock Fishing!

E’ una gradevole serata di novembre con temperatura esterna di almeno 16 gradi e acqua ancora calda a 20 gradi..le condizioni perfette per stanare indistintamente a rock sia i predatori di fondo che di mezz’acqua. Alle 20 abbiamo già le canne in pesca in un tipico (e famoso) spot della Riviera Ligure di levante: mare calmo, bassofondo di ciottoli, pietroni con anfratti e sabbia verso il largo.  Preso dall’entusiasmo  calo subito un Reins Ax Craw mini 2″ Glow Bubblegum montato su jig-head Damiki 1/32 oz,P1020349

a sua volta collegata ad una Damiki double lock snaps misura #00 che mi consente rapidi cambi di testina. Al primo lancio, effettuato nei pressi di una fonte di luce, l’Ax Craw viene attaccato violentemente in caduta da un calamaro che però non riesce a rimanere allamato. Una, due, tre ferrate ma niente e così decido di desistere ma dentro di me penso che sia una serata da ricordare se comincia così! Secondo lancio spostato di qualche metro ed ecco ricomparire il calamaro! In questo caso però l’artificiale riesce a raggiungere il fondo e viene subito attaccato da un piccolo esemplare di polpo. Lo recupero dolcemente assecondando le sue pompate e lo porto sul pontile per la foto di rito e il rilascio.20131113_192227

Cambio zona e mi dirigo verso una piccola foce con fondale non superiore ai 50 cm. Li ho visto in più di una occasione un grosso ghiozzo testone e diversi scorfani stazionare in zona. Calo l’Ax Craw, giusto il tempo di qualche piccolo saltello sul fondo e BAAMMM! un bello scorfanone attacca deciso! Devo dire che la preda mi ha dato del filo da torcere per il recupero in quanto tendeva sempre ad avvicinarsi a delle catene presenti in zona per tentare di strappare il filo ma l’ottimo nylon che avevo in bobina, insieme al lavoro della canna e gioco di polso mi consentono di recuperare una preda di tutto rispetto. Una volta recuperato mi accorgo che lo scorfano ha attaccato l’esca di lato, particolare che mi fa intuire che l’Ax Craw è stato proprio scambiato per ciò che dovrebbe simulare: un gamberetto!20131113_19520620131113_19515620131113_195131

Saltello tra uno scoglio e l’altro per trovare uno spot che mi possa regalare una cernia, anche piccola, da poter fotografare e mostrare a voi ma niente. Anche cambiando l’esca, una Damiki I-Grub 2″ Pearl Silver innescata sempre su jig-head e fatta saltellare vicino ad una struttura ecco apparire un altro scorfano, questa volta di dimensioni più contenute che però ingoia totalmente esca e testina..questi pesci hanno un apparato boccale davvero OVER SIZE! Lo slamo con cura, perché il “ragazzo” ha diversi aculei sparsi per tutto il corpo, e lo rilascio al suo mare, libero di tornare nella sua tana. 20131113_215621

Dopo una piccola pausa di chiacchiere e barzellette con gli amici decidiamo di dirigerci verso uno sperone di roccia illuminato da un potente fascio luminoso. Vediamo diversi pesci presenti in zona e lanciamo immediatamente. Al primo lancio e recupero veloce a mezz’acqua, per usufruire di tutte le doti migliori dell’I-GRUB, una super spigola, seguita da una seconda, inseguono l’esca ma aimè commetto l’errore fatale di riflettere la mia ombra in mare e così gli spigoloni, con una scodata, ritornano nel buio. Cambio posizione e rilancio, attendo qualche secondo prima di procedere al recupero e come do il primo giro di manovella una preda attacca l’esca..evvai! Testate decise, penso subito ad una spigoletta ma non è così. Un bel sugherello ha ingoiato l’esca e mentre sto per alzarlo le due super spigole tentano di mangiarlo ma io son più veloce e lo salvo dalle loro mascelle (per ora!). Una preda di tutto rispetto che ha ingoiato totalmente l’esca in caduta con la sua codina vibrante. Che emozione…foto e via rilasciato (qualche metro più in la) per dargli modo di sfuggire ai predatori. 20131113_235404

Tentiamo ancora diversi lanci per insidiare le spigole ma nulla: seguono e poi sviano. Sintomo questo che si sono accorte della presenza del pescatore. La serata prosegue con diverse prede di fondo ma il re della notte rimane sempre lui…lo scorfano!

Un ringraziamento particolare a coloro che mi hanno fatto compagnia, due grandi amici e campioni di pesca e simpatia: Luca Ruggeri e Francesco Foppiano.

Che dire ragazzi, appuntamento alla prossima puntata con le pescate del Team Lady Martina Sportfishing Santa Margherita Ligure! www.teamladymartina.com

20131114_002854